Epistole

Eugenio Miccini

...ma riconosco che 0PERA PRIMA è un punto sicuro del tuo lavoro, un lavoro organico. La poesia visiva deve raggiungere la stessa complessità, anche se per folgorazioni sintetiche: in ogni opera, in ogni quadro ci deve essere un mondo altrimenti è gioco precario, in quanto, appunto, poesia. Eugenio...

Mariella Bettarini

..e dell'invio del suo magnifico catalogo, che ho apprezzato particolarmente. La sua è davvero un'opera di grande intelligenza e fascino. Mariella Bettarini, Firenze, 15/5/1996

Luciano Caruso

Caro Lini, ovviamente a me piacciono di più i lavori visuali delle poesie scritte (ma non sarà una deformazione professionale?) e fra questi mi interessano quelli più materici... Luciano Caruso, Firenze 30/8

Tommaso Paloscia

Lini carissimo, sono felice del successo editoriale che ti raggiunge proprio con la poesia, vale a dire con una tua espressione da me tanto apprezzata (ne ho fatto brevissimo cenno nel terzo volume di "Accadde in Toscana" uscito in questi giorni) e che, rivelando la sensibilità del tuo animo,...

Alessandro Duranti

Gentile sig. Lini anche a nome di Garboli la ringrazio per il bel librettino di poesie (molto sensibili) inviato a Paragone. Alessandro Duranti, Firenze 5/3/1998

Lamberto Pignotti

Preg.mo Arturo Lini, grazie per le sue poesie, mi rincresce di doverle rispondere tra un treno in arrivo e uno in partenza. Non è facile dare consigli per le mostre di poesia visiva. Roma, gennaio 86. 

Nicola Micieli

Ho scoperto un altro artista volterrano: transfuga e, al solito, bravo. È Arturo Lini, classe 1948, nato a Volterra e vissuto, come leggerai dalla breve..

Romano Masoni

Mi hai fatto dono delle tue poesie e te ne sono grato. Sono veramente belle, c'è pulizia, ritmo e musica dentro, c'è grazia nascosta e verità e non è poco di questi tempi. Se me lo permetti le pubblicherò di quando in quando su “Il Grandevetro”. Romano Masoni, Santa Croce Sull'Arno (PI), 2/12/1992

Tommaso Paloscia

Sono certo di poterla vedere la tua mostra*, considerato che resterà aperta fino a gennaio; così come sono certo che offra nuovi riscontri alla bella creatività e a quel lirismo tanto gradevole e efficace che hanno sempre sorretto l'arte tua. Persino nei momenti critici e di profondi ripensamenti....

Dalia Oggero

Tuttavia per la ricchezza delle tematiche e l'abilità nel trasformarle in un corpus poetico autonomo e personale, ritengo il suo lavoro notevole. Dalia Oggero, Torino 16 giugno 2000

Dino Carlesi

“Appena stella” è un libro che si presenta in sintonia con ciò che penso, e che vorrei scrivere attualmente. La memoria la fa da padrona, ma non ne sei schiavo, e le cose (tutte) volano leggere senza che si abbia la voglia di fermarle. È un libro tenerissimo che ruota attorno a uno “stato d'animo”...

Gio Ferri

Grazie del catalogo di Volterra e de Il Volo. La sua pittura (mi piacerebbe vedere gli originali: mi tenga informato sulle sue mostre...) mi affascina moltissimo per il rigore con cui vi si inscrive la forma della memoria. Gio Ferri, Lesa sul Lago Maggiore, 22/7/1997

Giuliano Bimbi

Caro Arturo, la tua “raccoltina” (così solo perchè sono poche poesie) è ricca di vere gemme e non orpelli, gemme delle quali ne riporto alcune, secondo me fra le più luminose.  Giuliano Bimbi, Viareggio (LU), 5/12/1997  

Luciano Roncalli

Carissimo Arturo nell'occasione ho riletto attentamente “Appena Stella” e questa rilettura mi fa ricordare che io ho sempre giurato sul tuo talento di poeta, un talento che ti porta a realizzare una poesia scintillante dove le metafore s'accendono, una dietro l'altra come fuochi d'artificio e poi...

Vincenzo Accame

Caro Lini dalle immagini del catalogo vedo poco ma chiaro mi sembra il testo di autopresentazione..